Cambiamento climatico e militarismo in dieci punti

Il movimento per la giustizia ambientale di livello globale intreccia diversi temi: razzismo, disuguaglianze economiche, migrazione e salute. La militarizzazione invece sembra spesso e ancora una questione sottostimata.

Allora, visto che ho trovato un bel decalogo in dieci punti… ecco. Ve lo piazzo qua. Tratto da: 10 Ways That The Climate Crisis And Militarism Are Intertwined di Medea Benjamin. Tradotto e reinterpretato da me, non magistralmente ma fedelmente nelle sue parti salienti.

Cambiamento climatico e militarismo in dieci punti: per continuare a ricordarsi che sono due facce della stessa maledetta medaglia!

Vedi anche: La guerra inquina la terra.

Potete sostituire idealmente “esercito USA” o “Pentagono”, con esercito e militarismo in generale. Il decalogo fila ugualmente.

1 – L’esercito USA protegge le multinazionali del petrolio e altre industrie del settore estrattivo.

Le missioni hanno spesso, e hanno avuto, come obiettivo principale quello di garantire la sicurezza all’accesso delle materie prime, soprattutto il petrolio. Un esempio che vale per tutti, conclamato e sulla quale nessuno nutre dubbi è la Guerra del Golfo in Iraq. E successive, aggiungerei io. Centinaia le basi USA in territori stranieri “a protezione” di regioni ricche di risorse o vicine vie di navigazione o comunicazione. Gli USA e il suo esercito sono i protettori mondiali delle multinazionali del petrolio.

2 – Il Pentagono da solo è il maggior consumatore di combustibile fossile al mondo.

Se il Pentagono fosse considerato un Paese occuperebbe il 47° posto tra quelli che emettono più gas serra al mondo. Le attività militari non sono ufficialmente annoverate nel conteggio della CO2 sappiatelo, bisognerebbe considerare il rifornimento e l’uso di armi e attrezzature, illuminazione, riscaldamento, calcolare l’impronta ecologica delle basi e degli edifici in tutti il mondo.

3 – Il Pentagono monopolizza i finanziamenti di cui abbiamo bisogno per affrontare seriamente la crisi climatica.

Anziché spendere soldi in protezione militare, dovremmo preoccuparci di mettere in piedi e saper mantenere un sistema di protezione civile, di solidarietà internazionale, di educazione al cambiamento. Perché la più grande minaccia non sono i migranti o il traballare dei confini. La più grande minaccia al momento è rimanere impreparati di fronte una crisi che non conosce e se ne frega dei confini. I governi dovrebbero usare in modo efficiente e ottimale i fondi pubblici e dovrebbero trovare il modo di costringere i privati a prendersi una fetta abbastanza corposa di responsabilità.

4 – Le operazioni militari lasciano un’eredità tossica. Le basi militari USA saccheggiano il paesaggio, inquinano il suolo e contaminano l’acqua potabile.

Le operazioni militari e le basi militari mettono l’ambiente circostante e il sottosuolo altamente a rischio, se non addirittura lo rendono inabitabile per la vita umana, animale e vegetale. Anche all’interno dei suoi confini gli USA non se la passano bene, pare che nel 2017 il Pentagono abbia speso ben 11,5 miliardi per la bonifica ambientale di basi dismesse.

5 – Le guerre devastano gli ecosistemi fragili, cruciali per sostenere la salute umana e la resilienza climatica.

La guerra diretta comporta intrinsecamente la distruzione dell’ambiente (non solo naturale, ma anche sociale) attraverso bombardamenti e invasioni del territorio. Esempi? La Striscia di Gaza ha subito tre grandi attacchi militari israeliani tra il 2008 e il 2014. Le campagne di bombardamento israeliane hanno preso di mira gli impianti di trattamento delle acque reflue e le strutture elettriche. E così il 97% delle acque dolci di Gaza sono state contaminate dal sale e dai liquami, quindi sono diventate inadatte al consumo umano, costringendo tra l’altro le persone a consumare bevande in bottiglia e Coca-Cola, perché almeno sai cosa bevi – mi ha detto un uccellino. In Yemen la campagna di bombardamenti a guida saudita ha creato una catastrofe umanitaria e ambientale, con oltre 2.000 casi di colera segnalati ogni giorno. In Iraq, le tossine ambientali rilasciate dalla devastante invasione del Pentagono del 2003 hanno incluso l’uso di uranio impoverito. Gli abitanti denunciano diverse problematiche relative alla vicinza di certe basi ai centri abitati, come l’aumento di malattie cardiache congenite, deformità spinali, cancro, leucemia, labbro leporino e arti mancanti o deformi e paralizzati .

6 – Il cambiamento climatico è un “moltiplicatore di minacce” che aggrava ulteriormente situazioni sociali e politiche già pericolose.

A causa degli eventi disastrosi, siccità e carestie e bombe ecologiche pronte a scoppiare o già scoppiate, aumenteranno le grandi migrazioni dalle campagne alle città o da un territorio a un altro. Migrazioni di massa e guerre, scontri armati interni ed esterni e una situazione di destabilizzazione generale soprattutto laddove il contesto è già ad alto rischio ambientale e sociale. Se la risposta è la continua corsa alle armi e alle soluzioni militari, noi appartenenti all’Antropocene, tra i principali responsabili storici del devasto, prepariamoci a chiudere gli occhi, a veder piangere lacrime di coccodrillo, oppure rimbocchiamoci le maniche, inchiodiamo alle loro responsabilità chi di dovere e perseguiamo l’educazione alla pace e alla solidarietà internazionale.

7 – Gli USA sabotano gli accordi internazionali sul clima e sulla guerra.

Gli Stati Uniti minano deliberatamente e costantemente gli sforzi collettivi del mondo per affrontare la crisi climatica. Si sono rifiutati di aderire al protocollo di Kyoto del 1997 e con Donald Trump si sono ritirati dall’accordo sul clima di Parigi del 2015. Si rifiutano di unirsi al Tribunale penale internazionale che indaga sui crimini di guerra, si ritirano dagli accordi sul nucleare, invade e sanziona in modo unilaterale. Mantenere il primato ha un prezzo, la vita e il futuro di tutti gli altri.

8 – La migrazione di massa è alimentata sia dai cambiamenti climatici che dai conflitti. I migranti spesso affrontano la repressione militarizzata.

Si prevedono ancora 140 milioni di profughi ambientali nei prossimi venti anni nell’Africa sub-sahariana, in Asia meridionale e nell’America latina (intercontinentali, non verso l’Europa). E già adesso milioni di migranti affrontano disastri ambientali e conflitti. Ai confini con gli USA vengono rinchiusi in gabbie o nei campi, muoiono a migliaia nel Mar Mediterraneo. Invece, i trafficanti di armi e i costruttori di morte alimentano i conflitti e traggono profitto da commerci illegali e legali, edificano strutture detentive e muri.

9 – La violenza di stato militarizzata si scaglia contro le comunità che resistono alla distruzione ambientale, e continua invece a stare dalla parte dei pochi che traggono profitto: le grandi imprese. Le comunità che lottano per proteggere le loro terre e villaggi da trivellazioni petrolifere, compagnie minerarie, allevatori, agroalimentari sono spesso vittime di violenza statale e/o paramilitare.

Eco-terroristi, li chiamano. Sono gli indigeni che vengono uccisi per aver tentato di fermare i tagli e l’incenerimento delle loro foreste in Amazzonia. Sono attiviste come Berta Caceres, in Honduras, uccisa per aver cercato di preservare i fiumi. Solo nel 2018 sono stati 164 i casi documentati di ambientalisti assassinati in tutto il mondo: una vera e propria strage. Dappertutto, compreso in Italia, si tenta di modificare e si potenziano le possibilità d’azione della repressione per includere nei casi di stato di emergenza, la possibilità di etichettare come eversore terrorista l’attivismo ambientale. E direi che in Italia facciamo scuola rispetto a questo, basti pensare alle campagne mediatiche contro grandi movimenti di lotta ambientale come quello No Tav e poi a seguire.

Ne ho parlato meglio qui: PERICOLI PUBBLICI.

10 – I cambiamenti climatici e la guerra nucleare sono le vere minacce per il pianeta.

La proliferazione di armi nucleari, stimolata dalla militarizzazione globale, non hanno fatto altro che rendere meno sicuro l’intero pianeta e i suoi abitanti. Se a causa di qualche grande disastro venissero intaccati i depositi conosciuti e segreti sparsi per il mondo le conseguenze non sono nemmeno immaginabili. Persino una guerra nucleare molto “limitata”, che coinvolga meno dello 0,5% delle armi nucleari del mondo, sarebbe sufficiente a causare disastri climatici globali catastrofici e una carestia mondiale che metterebbe a rischio fino a 2 miliardi di persone. Sarebbe la fine del mondo. Quello conosciuto. Che al momento è l’unico che possiamo abitare, tra l’altro. Che è quello che dovremmo custodire, preservare per noi e per tutti gli esseri viventi che lo abitano, e non distruggere.

In memoria di un compressore

Che importa se si parlava con accento o lingua diversi 
se era un compressore o un fiore
se passeggiavamo veloci o a ritmo lento
se l'intento era farci sentire o non farci vedere.
Quando mi trovo di notte 
su sentieri che separano
alte reti da antichi boschi,
è lo stesso il sussurro che mi riporta il vento,
suonano uguali le scarpe che battono la via.

Che corrano tra gli arbusti e le querce di Niscemi
o tra le fronde del bosco in Val Clarea,
le voci di compagne che chiamano compagni
raccontano gli stessi silenzi del cuore.
La mano che adesso stringe l'altra mano
si appoggerà domani allo stesso bastone.
Che importa se c'è chi ha vent'anni più di me o meno di me. 
E se anche poi ne avevo di meno e ne avrò di più.

Quando mi trovo di notte
su sentieri che separano
nuove reti da alti boschi
fa lo stesso, ovunque questo sia.
Da ieri, da oggi o da domani,
non importa dove. Importa solo
da quando iniziamo
e fino a quando respiriamo.

Finché staremo da questa parte
dello spirito del tempo,
le strade sicure e belle
per noi saranno quelle
per cui andiamo e torniamo,
in felice compagnia
delle nostre buone stelle.

Quanta strada bisogna fare – Sicilia A.D. 2019

Rientro a casa… e dintorni, per trascorrere le vacanze di Primavera, o Pasqua se preferite.

Di solito il periodo di ferie sotto Pasqua è così breve che si riesce a fare ben poco. Invece, quest’anno mi sta andando bene. Sto per dieci giorni. Ne sono trascorsi già più della metà e io per più della metà ho dormito. Vuol dire che ne avevo bisogno? Non saprei. La Sicilia mi ha accolto un po’ uggiosa, con dei giorni di schiarite, ma in generale con un cielo poco primaverile. Come si andasse verso l’inverno e non verso l’estate. Nondimeno a livello paesaggistico, questo periodo e quello autunnale, rimangono i miei preferiti. E comunque qualche giorno di bel tempo tra un nuvolone e l’altro ho potuto godermelo.

Isola delle correnti

Il mare? Che ve lo dico a fare. Quella della Sicilia orientale per me è sempre stata la parte più bella. Quest’anno ho persino fatto una tappa dove non ero stata mai, a Noto. Sì, ci sono ancora posti in Sicilia che non ho visto e soprattutto che non ho vissuto. Forse non basterebbe davvero una vita.

Noto

Dicevo, i panorami rigogliosi e gli altopiani in fiore. Per poco, se non si porterà via tutto il vento e il maltempo capriccioso. Ancora anche solo un pomeriggio concedimelo, perché io possa fare il mio viaggio di rito alla Grande quercia del bosco di Niscemi!

La Sughereta in fiore era un paesaggio che avevo bisogno di riguardare. Perché i ricordi svaniscono presto e ciò che resta sembra essere solo la loro impronta nella memoria. Come una piccola nicchia rimasta vuota da tornare a riempire di tanto in tanto, impressa astrattamente tra le anticamere e le camere della mente o concretamente come cicatrici e segni sul nostro corpo. L’impronta lasciata da questi boschi, queste piante, questi cieli aperti spazzati dalle nuvole e dove il sereno variabile vuol dire realmente qualcosa, è del tutto simile alle mie mani e ai miei piedi, e per alcune cose è simile a un avvallamento a cono come quello che guida lo sguardo a sprofondare nel mio occhio.

Le strade e i sentieri di terra battuta, aperti sulle radure o cosparsi di foglie di eucalipto, acciottolati o asfaltati, morbidi e odorosi di resine di pini o polverosi, rigogliosi di macchia mediterranea o pungenti come ortiche, assolati oppure ombrosi, attraversati da lucertole frettolose o da formichine laboriose…

Si dice che si ricordi meglio quello che ci ha fatto provare emozioni, ma in questo caso per me non vale. O per dirla meglio, non è quel genere di emozioni facenti parte della vulgata del nuovo millennio: la sensazione forte e inaspettata, la sorpresa, la novità, la meraviglia che brucia, l’esternazione che ti fa ridere forte e ti dà una scossa oserei dire infantile. Non esistono solo emozioni forti, infatti, anche se ci capita di pensare che solo queste siano quelle belle e vere. Anzi, le emozioni davvero forti non lasciano lunghi ricordi, non lasciano impronte. A me le emozioni forti hanno sempre fatto male. Un po’ per carattere, un po’ per costituzione. L’emozione di queste passeggiate è invece lenta, persistente, non sconvolgente. Credo sia per questo trovo pace in queste lande. Per questo fuggo spesso dall’umanità in guerra. Per questo ringrazio sempre chi mi ha donato la scintilla che illumina con po’ di buono la tristezza del mondo che vedo. È una questione di imprinting. Ho imparato a comunicare prima con la natura e gli esseri viventi, e solo poi gli esseri umani. (E pur sempre per vie traverse, leggendo romanzi e poesie e ascoltando favole e storie.) Non sono brava o buona persona per questo, e non mi sento migliore di altri. Sebbene la maggior parte degli esseri umani viva in contesti urbani e metropolitani, siamo infatti in molti e ben sparsi, ad avere un’educazione diversa, una connessione diversa. Non fatevi incantare da #globetrotter e #naturelover che vi regalano emozioni per vendere prodotti o sé stessi. È vero che spesso la forte emozione ci fa provare il desiderio di immortalare tutto in una foto particolarmente “figa”, rischiando che sia solo così, attraverso un’immagine esterna che ce ne ricorderemo.

Di certi ambienti, della mia casa, ricordo cose che nessuna foto mi restituirà. Per esempio il ronzio degli insetti e lo sfarfallio nei campi di quando ero bambina che non si sentono e non si vedono più. Non sono poi passati molti anni, solo una ventina scarsa. Eppure sembra che alcuni di noi abbiano già la memoria che avevano gli anziani quando mi dicevano: “qui un tempo era tutto bosco”…. Ma poi.

La base militare e il MUOS nel bosco di Niscemi

Quanta strada bisogna fare per ritrovare la connessione con la natura che abbiamo perso? La risposta, care mie e amici cari, si trova nel vento.

How many roads must a man walk down
Before you call him a man?
Yes, ‘n’ how many seas must a white dove sail
Before she sleeps in the sand?
Yes, ‘n’ how many times must the cannon balls fly
Before they’re forever banned?
The answer, my friend, is blowin’ in the wind,
The answer is blowin’ in the wind.

How many times must a man look up
Before he can see the sky?
Yes, ‘n’ how many ears must one man have
Before he can hear people cry?
Yes, ‘n’ how many deaths will it take till he knows
That too many people have died?
The answer, my friend, is blowin’ in the wind,
The answer is blowin’ in the wind.

How many years can a mountain exist
Before it’s washed to the sea?
Yes, ‘n’ how many years can some people exist
Before they’re allowed to be free?
Yes, ‘n’ how many times can a man turn his head,
Pretending he just doesn’t see?
The answer, my friend, is blowin’ in the wind,
The answer is blowin’ in the wind.

B. Dylan, 1962