Per sempre coinvolti

Da giorni ormai, la ritirata improvvisa degli USA dal Nord della Siria, ha dato il via libera alla Turchia dittatoriale di Erdogan, già noto all’opinione pubblica per il trattamento riservato agli oppositori politici e al dissenso interno, di aprire unilateralmente il fuoco e bombardare il territorio del Rojava e annientare la rivoluzione femminista dei curdi nel Nord della Siria. Ricordiamo brevemente che la guerra in Siria si è protratta per un decennio ed è stata molto complessa e che già da diversi decenni prima i curdi rivendicavano il diritto, non a sopraffare, ma ad esistere. Ed eccola che ricomincia.

Interessante e chiaro il reportage della RAI, per una volta.

Dopo aver imparato che non esistono guerre giuste, non ci restano ormai che guerre fuorilegge e terroriste per definizione che hanno come obiettivi i civili. Smettiamola di aspettarci le buone maniere da fin de siecle, seppure ipocrite, le fantomatiche dichiarazioni di guerra di una volta e le azioni diplomatiche di apertura e di chiusura dei conflitti, i negoziati, scordiamoci la possibilità di redigere un elenco esaustivo di ciò che fino a qualche decennio fa chiamavamo crimini di guerra, crimini contro l’umanità. Dimentichiamoci vi prego dell’ONU, se volete riproviamo va bene, ma almeno smettiamo di credere alla NATO!

Il fatto è che viviamo nell’economia di guerra. Il fatto è che il disarmo sarebbe l’unica opzione da perseguire. Il fatto è che ci dovremmo rifiutare di lavorare per i fabbricanti di morte. Il fatto è che finché non capita a noi, ci fa sentire bene sentirci quelli più forti, i meno sfigati del gruppo. Il fatto è che lo stato, la società in cui vivo non è buona e non è esente da colpe e adesso, vorrei vederlo adesso, l’Esercito italiano andare a combattere contro i turchi per difendere il confine siriano. Vorrei vederli i nostri militari, molti del sud per inciso, prendersi le bombe italiane sulla testa, vedersi puntate contro le armi fabbricate nelle aziende del Nord, dove c’è il lavoro, o in aziende che ce lo portano il lavoro, a noi che pare che poter fare altro per campare, avere uno sviluppo economico diverso, non sia possibile. Sono provocatoria, ovviamente, non vorrei vederci proprio nessuno.

Le contraddizioni serve viverle, per capirle, per combatterle. L’ho imparato io stessa, crescendo in un posto dimenticato da Dio ma non dagli USA, non dai mafiosi, non dagli affaristi, non dall’ignoranza… e non parlo di quella ideale, proprio quella dell’ABC.

Per la cronaca la mia amatissima e piena di dignità: Niscemi.

La Turchia è da molti anni uno dei maggiori clienti dell’industria bellica italiana e le forze armate turche dispongono di diversi elicotteri T129 di fatto una licenza di coproduzione degli elicotteri italiani di AW129 Mangusta di Augusta Westland. “Negli ultimi quattro anni l’Italia ha autorizzato forniture militari per 890 milioni di euro e consegnato materiale di armamento per 463 milioni di euro” sottolinea Vignarca. In particolare nel 2018 sono state concesse 70 licenze di esportazione definitiva per un controvalore di oltre 360 milioni di euro. Tra i materiali autorizzati: armi o sistemi d’arma di calibro superiore ai 19.7mm, munizioni, bombe, siluri, arazzi, missili e accessori oltre ad apparecchiature per la direzione del tiro, aeromobili e software.

https://www.disarmo.org/rete/a/46899.html

Prima li armiamo, poi ci indigniamo e forse alla fine ci toccherà combatterli? Questa intendo con economia di guerra. Questo è il militarismo nella sua più subdola essenza, quella che non ci fa vedere la guerra e non ce la fa sentire, ma ce la fa alimentare, ci fa arricchire. Ci fa stare bene e allontana le contraddizioni, deresponsabilizza il nostro pensiero, silenzia la naturale empatia che si dovrebbe avere a guardare non dico gli adulti ma i bambini, dio se esisti: i bambini.

Ma tanto non è figlio tuo, puoi vivere sereno tu, puoi continuare a proteggerlo fino alla tua morte grazie a questo sistema bello e pieno di benessere in cui vivi e vivrà lui o lei, non è vero?

COME SIAMO COMPLICI? PER ESEMPIO LEGGI QUI: https://ilmioluogo.me/2018/03/04/sicilia-allarmi/.

Ma quanto pensiamo che possa durare questo nostro vagare sui social e pensare alla dolce vita e sognare la vita dei più ricchi e dei più belli di noi? Praticamente ci sono più armi che persone al mondo e dalle capacità distruttive che… lasciamo perdere. La guerra c’è sempre stata è vero, ma il sistema economico capitalista invece no. E questo si nutre di armi e di guerra da quando si è affermato. Anzi, affermandosi.

Maxiprocesso No Muos #129grazie più 1000

Tutto sommato essere trattati come criminali mafiosi potrebbe avere un bel risvolto umoristico di pirandelliana memoria.

Chiariamo subito una cosa. Se sei uno o una di quelli che pensano che la guerra sia l’igiene del mondo puoi subito smettere di leggere. Così non perdi tempo. Anche perché, caso mai pensassi di cambiare idea, non è in questo post che troverai argomentazioni sopraffine e teorie della storia che cerchino di convincerti del contrario.

Chiariamo subito anche un’altra cosa. Io scrivo a difesa degli imputati. Anche se non sono un avvocato e forse non sarà molto utile ai fini processuali. Infine, cosa c’entra Pirandello? Celebre la metafora del saggio “L’umorismo”.

Vedo una vecchia signora, coi capelli ritinti, tutti unti non si sa di quale orribile manteca, e poi tutta goffamente imbellettata e parata d’abiti giovanili. Mi metto a ridere. Avverto che quella vecchia signora è il contrario di ciò che una vecchia rispettabile signora dovrebbe essere. Posso così, a prima giunta e superficialmente, arrestarmi a questa impressione comica. Il comico è appunto un avvertimento del contrario. Ma se ora interviene in me la riflessione, e mi suggerisce che quella vecchia signora non prova forse nessun piacere a pararsi così come un pappagallo, ma che forse ne soffre e lo fa soltanto perché pietosamente s’inganna che parata così, nascondendo così le rughe e la canizie, riesca a trattenere a sé l’amore del marito molto più giovane di lei, ecco che io non posso più riderne come prima, perché appunto la riflessione, lavorando in me, mi ha fatto andar oltre a quel primo avvertimento, o piuttosto, più addentro: da quel primo avvertimento del contrario mi ha fatto passare a questo sentimento del contrario. Ed è tutta qui la differenza tra il comico e l’umoristico”.

Così mi pare questa cosa del maxiprocesso. La vecchia signora potrebbe essero lo Stato italiano, il marito gli USA. Quelli che prima ridono e poi provano pena siamo noi, di voi.

Niscemi, Sicilia. Nella notte dell’8 agosto 2013 alcuni nomuos si erano arrampicati sulle antenne occupandole pacificamente per protesta. Nel giorno del 9 agosto la manifestazione – autorizzata – si era snodata lungo la sughereta ed era arrivata in prossimità della rete della base regolarmente. A questo punto alcuni, armati di pericolosissima cesoia, tagliavano un pezzo di rete e  si introducevano dentro la base incontrando in effetti ben poca resistenza da parte delle forze dell’ordine. Ed erano stati seguiti da tantissimi, migliaia, di manifestanti che, nel fare questo, attentavano alla vita di non si sa bene quale poliziotto che passava di lì per caso senza ginocchiere. La giornata era stata memorabile, storica. Per la prima volta si occupava, pacificamente, il suolo militare statunitense in Italia. Senza dilungarmi su questioni di legittimità dell’azione e altre amenità politiche, sappiate solo che il fatto storico è avvenuto a conclusione di un anno molto particolare che vi invito a leggere qui su – OLTRELERETI.ORG.

Nel corso di questi ultimi anni sono successe tante altre cose, naturalmente. Nel frattempo, è arrivata la conclusione delle indagini per quei fatti e un altro risalente al 2014 in cui alcuni attivisti si impegnavano in un’altra incursione. Ad oggi sono 194 le persone a processo, ma il numero potrebbe ancora aumentare. Il maxiprocesso si farà. Non siamo di fronte a un “tentativo” di criminalizzazione dei movimenti sociali, ci siamo proprio dentro. Ancora una volta il precedente doloroso in Val Susa.

Insomma, vedrete un sacco di immagini “violente”. Vedrete la rete divelta e molti che la attraversano “violentemente” passeggiandoci sopra. Vedrete persino qualche fotografo o giornalista che per amore della notizia è finito tra gli indagati. Vedrete tanta gente armata di un bel niente. E quindi, capirete anche voi che i giudici e gli avvocati dovranno usare tutto il senso dell’umorismo che hanno.

Dico io… ma davvero dovete farci perdere tempo e denaro, davvero vi metterete a fare il processo a gente così? Venite  vedere con i vostri occhi lo scempio e a conoscere i veri criminali il 2 ottobre – ManifestazioneNoMUOS.

Questo slideshow richiede JavaScript.