AAA Personaggi/e cercasi

Non so voi, ma io sto impiegando male malissimo il mio tempo. Mi ero ripromessa di non farlo più e ci stavo anche riuscendo. Ma il trauma del coronavirus ha rimescolato le carte e me le ha fatte ritrovare rigirate e tutte storte.

Ho passato già diverse fasi dalle terribili “lontane” calende del mese e mi paiono pure passate e trapassate le idi di Marzo. Incredibile come la nostra psiche si adegui al cambio improvviso di scenario è vero? Pur di proteggersi ti comincia a fare credere che sia sempre stato così e che non può essere altrimenti che così. Ho passato diverse fasi, più o meno intense.

Fase 1 – Ansia e senso acuto di impotenza

Fase 2 – Accettazione, indolenza, rassegnazione

Fase 3 – Reazione sporadica di rabbia e tentativo di fuga – psicologica e mentale intendo, non sto andando da nessuna parte mannaggia a voi, ma vi state tranquilli a casa a leggere qualcosa per favore?

Fase 4 – Provare a stabilire una routine, tentare di trasformare la rabbia e la delusione in ironia e auto-ironia.

E fin qui tutto bene.

La Fase 5? Non la conosco ancora. Spero sia quella buona. Non so se tra gli alti e i bassi ho raggiunto il picco. In ogni caso…

Mi è venuta in mente una cosa.

Mi è venuto in mente che forse ho bisogno di raccontare. Ma sul serio, non come al solito mio da troppo tempo a questa parte, alla carlona. Mi è venuto in mente che forse vuoi farlo anche tu.

E così… sto cercando sei personaggi o personagge in cerca di autrice. Qualche idea?

Forse respiro come se

Mi piacerebbe lasciarmi andare mutare la realtà in sogni d’amore vederli nascere contenti e crescerli come fiori a primavera vorrei la fantasia al galoppo al tramonto su crinali verdeggianti erbosi prati e qualche arbusto e la nuvoletta candida che scolora e diventa dolce come albicocca matura rosea come guancia di ragazza se mi guardassi arrossirei per il solo piacere di farlo per il solo piacere di provare l’emozione negata in questi tempi insicuri dove tutti ci sentiamo stranieri espatriati rimpatriati esportati importati intrecciati avulsi scalpita la giumenta dall’occhio chiaro e lo zoccolo duro s’innamora freme il lucido manto quando un temporale estivo imbruma la sera e la gonfia e si sfascia in scariche elettriche e pioggia e io forse respiro come se fosse il mio ultimo respiro e sarebbe per te. Ma tu o voi o io cosa respiro perché. M’appresso all’angolo stretto e già l’estate mi pare passata come sempre è passata la sera nell’assenza sospesa tra me e te e il raggio di sole che ci trafisse quella volta e poi mai più.

Capodistria – ottobre 2016

C’è a chi cade la mela in testa… e a chi basta un oliva!

L’urgenza di scrivere, l’urgenza di andare, l’urgenza di riflettere ma anche di smettere di pensare. L’urgenza di parlare, l’urgenza di tacere. Come una nuvola che passando copre il sole, come le ombre all’imbrunire, come incontrare per strada chi ti strappa un sorriso in una “giornata no”. L’urgenza cambia qualsiasi stato d’animo precedente, lo annulla, segna una svolta e pretende attenzione. Così, da un fatto intimo prima di tutto, che tocca le corde del cuore e mi fa contrarre i nervi, l’urgenza mi fa riscoprire quello che faccio, quello per cui mi dedico e mi impegno. Mi costringe a stabilire e rispettare le priorità che mi sono data.

giphy_changes

Già… le priorità della vita e la scala di valori che le accompagnano. Una volta ai primi posti c’erano gli amici e la famiglia, essere una persona utile per la società, ieri erano la laurea e “salvare il mondo”. Di questi tempi qualcosa sta cambiando ancora e al momento sembrano un po’ confuse. Al vertice della classifica si trovano in ex aequo: scrivere, insegnare, vivere in pace. Vivere in pace, che strana priorità. Non l’ho mai capita e mai messa in elenco prima. Invece da un paio d’anni… eccola qua. Direttamente in vetta alla classifica. Che quasi all’inizio non volevo confessarlo a me stessa, perché mi sembrava una cosa da vecchi, da nonni, questa cosa qui: vivere in pace. Ma sta lì. E ogni tanto l’urgenza mi coglie e me la ricorda. Così, oggi ho lasciato perdere tutto quello che avevo in programma, perché mi hanno chiesto se avevo voglia di partecipare alla raccolta delle olive di famiglia e io manco ci ho pensato due volte: sì, perché ho sentito l’urgenza di vivere in pace. Scriverò, insegnerò, forse salverò il mondo… ma domani. Oggi no.

14875098_1446544628708750_859282691_n