Quanta strada bisogna fare – Sicilia A.D. 2019

Rientro a casa… e dintorni, per trascorrere le vacanze di Primavera, o Pasqua se preferite.

Di solito il periodo di ferie sotto Pasqua è così breve che si riesce a fare ben poco. Invece, quest’anno mi sta andando bene. Sto per dieci giorni. Ne sono trascorsi già più della metà e io per più della metà ho dormito. Vuol dire che ne avevo bisogno? Non saprei. La Sicilia mi ha accolto un po’ uggiosa, con dei giorni di schiarite, ma in generale con un cielo poco primaverile. Come si andasse verso l’inverno e non verso l’estate. Nondimeno a livello paesaggistico, questo periodo e quello autunnale, rimangono i miei preferiti. E comunque qualche giorno di bel tempo tra un nuvolone e l’altro ho potuto godermelo.

Isola delle correnti

Il mare? Che ve lo dico a fare. Quella della Sicilia orientale per me è sempre stata la parte più bella. Quest’anno ho persino fatto una tappa dove non ero stata mai, a Noto. Sì, ci sono ancora posti in Sicilia che non ho visto e soprattutto che non ho vissuto. Forse non basterebbe davvero una vita.

Noto

Dicevo, i panorami rigogliosi e gli altopiani in fiore. Per poco, se non si porterà via tutto il vento e il maltempo capriccioso. Ancora anche solo un pomeriggio concedimelo, perché io possa fare il mio viaggio di rito alla Grande quercia del bosco di Niscemi!

La Sughereta in fiore era un paesaggio che avevo bisogno di riguardare. Perché i ricordi svaniscono presto e ciò che resta sembra essere solo la loro impronta nella memoria. Come una piccola nicchia rimasta vuota da tornare a riempire di tanto in tanto, impressa astrattamente tra le anticamere e le camere della mente o concretamente come cicatrici e segni sul nostro corpo. L’impronta lasciata da questi boschi, queste piante, questi cieli aperti spazzati dalle nuvole e dove il sereno variabile vuol dire realmente qualcosa, è del tutto simile alle mie mani e ai miei piedi, e per alcune cose è simile a un avvallamento a cono come quello che guida lo sguardo a sprofondare nel mio occhio.

Le strade e i sentieri di terra battuta, aperti sulle radure o cosparsi di foglie di eucalipto, acciottolati o asfaltati, morbidi e odorosi di resine di pini o polverosi, rigogliosi di macchia mediterranea o pungenti come ortiche, assolati oppure ombrosi, attraversati da lucertole frettolose o da formichine laboriose…

Si dice che si ricordi meglio quello che ci ha fatto provare emozioni, ma in questo caso per me non vale. O per dirla meglio, non è quel genere di emozioni facenti parte della vulgata del nuovo millennio: la sensazione forte e inaspettata, la sorpresa, la novità, la meraviglia che brucia, l’esternazione che ti fa ridere forte e ti dà una scossa oserei dire infantile. Non esistono solo emozioni forti, infatti, anche se ci capita di pensare che solo queste siano quelle belle e vere. Anzi, le emozioni davvero forti non lasciano lunghi ricordi, non lasciano impronte. A me le emozioni forti hanno sempre fatto male. Un po’ per carattere, un po’ per costituzione. L’emozione di queste passeggiate è invece lenta, persistente, non sconvolgente. Credo sia per questo trovo pace in queste lande. Per questo fuggo spesso dall’umanità in guerra. Per questo ringrazio sempre chi mi ha donato la scintilla che illumina con po’ di buono la tristezza del mondo che vedo. È una questione di imprinting. Ho imparato a comunicare prima con la natura e gli esseri viventi, e solo poi gli esseri umani. (E pur sempre per vie traverse, leggendo romanzi e poesie e ascoltando favole e storie.) Non sono brava o buona persona per questo, e non mi sento migliore di altri. Sebbene la maggior parte degli esseri umani viva in contesti urbani e metropolitani, siamo infatti in molti e ben sparsi, ad avere un’educazione diversa, una connessione diversa. Non fatevi incantare da #globetrotter e #naturelover che vi regalano emozioni per vendere prodotti o sé stessi. È vero che spesso la forte emozione ci fa provare il desiderio di immortalare tutto in una foto particolarmente “figa”, rischiando che sia solo così, attraverso un’immagine esterna che ce ne ricorderemo.

Di certi ambienti, della mia casa, ricordo cose che nessuna foto mi restituirà. Per esempio il ronzio degli insetti e lo sfarfallio nei campi di quando ero bambina che non si sentono e non si vedono più. Non sono poi passati molti anni, solo una ventina scarsa. Eppure sembra che alcuni di noi abbiano già la memoria che avevano gli anziani quando mi dicevano: “qui un tempo era tutto bosco”…. Ma poi.

La base militare e il MUOS nel bosco di Niscemi

Quanta strada bisogna fare per ritrovare la connessione con la natura che abbiamo perso? La risposta, care mie e amici cari, si trova nel vento.

How many roads must a man walk down
Before you call him a man?
Yes, ‘n’ how many seas must a white dove sail
Before she sleeps in the sand?
Yes, ‘n’ how many times must the cannon balls fly
Before they’re forever banned?
The answer, my friend, is blowin’ in the wind,
The answer is blowin’ in the wind.

How many times must a man look up
Before he can see the sky?
Yes, ‘n’ how many ears must one man have
Before he can hear people cry?
Yes, ‘n’ how many deaths will it take till he knows
That too many people have died?
The answer, my friend, is blowin’ in the wind,
The answer is blowin’ in the wind.

How many years can a mountain exist
Before it’s washed to the sea?
Yes, ‘n’ how many years can some people exist
Before they’re allowed to be free?
Yes, ‘n’ how many times can a man turn his head,
Pretending he just doesn’t see?
The answer, my friend, is blowin’ in the wind,
The answer is blowin’ in the wind.

B. Dylan, 1962

Vacanze in Sicilia – Estate 2017

Diario breve di una vacanza in Sicilia. La vacanza di un’emigrata che torna a casa sua per un mese.

No B&B and Resort, no ristorantini sul mare e niente consigli/propaganda per il vostro prossimo viaggio. Solo pensieri sparsi in cui qualcuno forse si ritroverà.

Ci siamo lasciati praticamente un mese fa con la “My London Calling” – un viaggio che ha segnato l’inizio del mio rientro in terra siciliana, deviato di qualche migliaio di chilometri a Londra, dove sono andata a fare quella che finalmente è stata per una volta a Londra… e beh allora? Allora, neanche lì fotine sognanti, profili cool e consigli di viaggio, ma solo tanta voglia di scrivere quanto bene mi ha fatto stare con gli amici. Tanto è vero che, come se non fosse bastato il momento lacrimante a London Bridge dove ci siamo separate da Giada, quando io e Noemi atterriamo all’aeroporto Fontanarossa di Catania quasi quasi faccio fare retromarcia ai miei, che avevano fatto circa 100 km per venirmi a prendere, solo perché c’era la possibilità di stare ancora un’altra notte in giro (a Catania) e vedere altre due scapestrate di cui non faccio il nome e cognome ma solo il nome: Giuliana e Ylenia.

Infine il buon senso ha prevalso, nonché la voglia sincera e di lungo corso di tornare semplicemente dalla mia “famigghia”.

Credo di aver dormito per circa una settimana e di averla passata quasi esclusivamente nella mia bella casa di campagna, ariosa e spaziosa, allargata alla casa accanto, tra l’altro, dove stavano mio fratello e mia cognata e i nipotini che volentieri mi ritrovavo spesso in salone. Avevo tempo e non volevo sprecarlo. Così, dormire mi è sembrato essere un’ottimo modo di impiegarlo. In fondo, sono andata a casa per un motivo preciso: ricaricare le batterie. E che ricarica! Comunque non ho solo dormito, figuriamoci.

In successione ecco le tre belle cose che hanno segnato questa vacanza in Sicilia (famiglia a parte).

1. Il campeggio No Muos – di cui potete leggere qui.

2. L’evento di body painting per cui ho fatto da modella alla mia storica amica e artista Marzia Nigito.

Essere una tela, diventare un quadro, esaltare l’opera d’arte che è il corpo attraverso i colori e la danza. Questo l’ho fatto solo perché ci credo in certe cose, ci credo che attraverso l’arte si esprime il genio dell’intelletto umano, che l’armonia deve essere insegnata e che noi stessi siamo il cambiamento quando affrontiamo e superiamo sfide un po’ anomale… tipo quella di esibirmi vestita solo di colori, sul palco della piazza principale di Niscemi, dove sono cresciuta, che non brilla per essere considerato un posto culturalmente all’avanguardia. E poi credo in te Marzia, come ci ho sempre creduto, credo nel tuo talento e nel tuo senso estetico, nella tua visione pura del corpo come mezzo di espressione e non come fine.

(Se siete curiosi di vedere l’opera completa, date un’occhiata al profilo instagram, mio sulla destra, e di Marzia qui -> https://www.instagram.com/marzianigito/ )

3. Un Ferragosto magico sui Nebrodi, continuato con un viaggio fino a Vulcano a rivedere Noemi.

Non potevo farmi mancare l’escursione con gli amici del Nasciam Trekking, un gruppo bellissimo che mi fa piacere ogni volta incontrare. Abbiamo passato due bellissimi giorni sui Nebrodi, durante i quali sono successe mille cose, tra cui alcune degne di ispirazione per racconti horror: sedute attorno al fuoco con rituali tribali (totem per gli esperti del magico mondo scout); persone vaganti di notte che per cercare me si sono perse nel buio; ritrovamenti di animali morti (un ghiro per la precisione) che abbiamo deciso di impagliare per il futuro nuovo museo di storia naturale di Niscemi. Infine, la traversata dei Nebrodi in Twingo e la traghettata migliore di sempre (ho dormito fin dal primo istante) verso Vulcano.

Potevi davvero lasciarmi qui Tanuz!!! 😀

Tre pezzi di vita inaspettata, fuori programma, tre occasioni che ho colto al volto, intervallate da una serie di altri piccoli eventi e tanti amici che hanno avuto come punto di riferimento il Sound Garden, un locale estivo vicino a casa mia, gestito quest’anno da un altro “storico” amico di vita che quindi direi… meglio di così non mi poteva andare.

Ho fatto un collage tra due foto scattate una all’inizio della vacanza e una alla fine, proprio alla fine. L’ultima sera, ieri l’altro ahimé… E anche di questa faccia la responsabile è Marzia. E penso che il paragone dica tutto, più di queste 732 parole.

 

Come si arriva… e come si parte. Sicily

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Trekking: escursionismo mon amour

Come iniziare un nuovo anno in Sicilia, sotto i migliori auspici e con le migliori stelle.

“Prendere e partire” è la cosa che mi è sempre riuscita meglio. Più impegno invece mi ha richiesto imparare a fare lo zaino o le valigie. Discernere tra necessario, importante e superfluo. Non dimenticare mai l’insostituibile.

Quest’anno ho avuto l’opportunità di fare qualcosa che mi ha appassionato molto da bambina e da adolescente, ma che ho poi tralasciato nel corso degli ultimi anni: l’escursionismo. Un regalo che mi sono fatta per i miei trent’anni e che completa tutti quelli che ho ricevuto nei giorni scorsi, sia affettivi che materiali. Il pomeriggio del 2 Gennaio siamo partiti dal piccolo rifugio in cima alla collina del Parco della Diga Comunelli di Butera, percorrendo il sentiero al tramonto e per un bel po’ anche sotto le stelle. Abbiamo dormito al rifugio, senza perdere l’occasione di accendere un bel fuoco di bivacco, odoroso di resina di pino. Il giorno dopo abbiamo scoperto l’area naturale e i suoi panorami incredibili girando attorno alla collina e concludendo l’uscita con l’osservazione dell’avifauna che popola questa importantissima zona della Sicilia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Io vi posso dire che il Parco Comunelli ha tanti tesori da mostrare, compresa una necropoli, che ci sono sentieri facilmente percorribili e aree attrezzate ben tenute dove si può passare anche solo una bella domenica, che è possibile osservare tanti tipi di piante, riscoprire piccoli pezzi di macchia mediterranea e attraversare diversi tipi di bosco, testimonianza delle tecniche di rimboschimento che si sono succedute nel tempo. Vi posso dire che a volte dietro l’alto trifoglio e i muretti di palme nane e i rami di pini o cipressi che quasi toccano terra, ti sembra di aver trovato il tuo piccolo paradiso terrestre. Vi posso dire che dall’alto della torretta di osservazione della Forestale si vede tutta la Piana di Gela, da Licata a Vittoria, che l’orizzonte si posa sui Monti Erei e i Monti Iblei, passando per l’altopiano di Niscemi. Io vi posso dire che fare escursionismo è una buona abitudine, che stare attorno al fuoco e sotto le stelle dà pace, che alzare lo sguardo per cercare la tua costellazione preferita o la tua stella riaccende l’anima e ti ricollega al mondo, che è semplicemente questo: un luogo meraviglioso.

Per tutto il resto, per esempio per i nomi e i dettagli delle specie animali presenti, delle piante e delle orchidee, sulla storia e le sfide dell’ambiente naturale e artificiale dell’area, sui chilometri percorsi e sui sentieri, per vivere anche voi queste esperienze… chiedete a Manuel Zafarana e a Davide Pepi, alla splendida Associazione Lipu-Niscemi, seguite il gruppo Nasciam Trekking.