AAA Personaggi/e cercasi

Non so voi, ma io sto impiegando male malissimo il mio tempo. Mi ero ripromessa di non farlo più e ci stavo anche riuscendo. Ma il trauma del coronavirus ha rimescolato le carte e me le ha fatte ritrovare rigirate e tutte storte.

Ho passato già diverse fasi dalle terribili “lontane” calende del mese e mi paiono pure passate e trapassate le idi di Marzo. Incredibile come la nostra psiche si adegui al cambio improvviso di scenario è vero? Pur di proteggersi ti comincia a fare credere che sia sempre stato così e che non può essere altrimenti che così. Ho passato diverse fasi, più o meno intense.

Fase 1 – Ansia e senso acuto di impotenza

Fase 2 – Accettazione, indolenza, rassegnazione

Fase 3 – Reazione sporadica di rabbia e tentativo di fuga – psicologica e mentale intendo, non sto andando da nessuna parte mannaggia a voi, ma vi state tranquilli a casa a leggere qualcosa per favore?

Fase 4 – Provare a stabilire una routine, tentare di trasformare la rabbia e la delusione in ironia e auto-ironia.

E fin qui tutto bene.

La Fase 5? Non la conosco ancora. Spero sia quella buona. Non so se tra gli alti e i bassi ho raggiunto il picco. In ogni caso…

Mi è venuta in mente una cosa.

Mi è venuto in mente che forse ho bisogno di raccontare. Ma sul serio, non come al solito mio da troppo tempo a questa parte, alla carlona. Mi è venuto in mente che forse vuoi farlo anche tu.

E così… sto cercando sei personaggi o personagge in cerca di autrice. Qualche idea?

Corona_Music cinque canzoni per te

Eddai ammettiamelo. Abbiamo già fatto tutto: videochiamate alle amiche, aperitivi sul balcone coi vicini che non sapevamo fossero così simpatici, cartelloni e cartoncini, rispolverato l’album della prima comunione, overdose di video tiktok e instagram e dato la caccia al meme più geniale, intasato le chat con video virali persino noi che di video virali non abbiamo alcuna cultura… Abbiamo persino provato noi stessi a fare video per far ridere gli altri, per drammatizzare o per sdrammatizzare, abbiamo più di prima immortalato la banalità della nostra quotidianità da ogni angolazione, compresa quella della nipotina o del figlioletto che tra un po’ ce lo tireranno dietro lo smartphone e con ragione, abbiamo rivisto le serie preferite, riletto i libri preferiti, guardato documentari sul nostro pianeta e provato a fare esercizi di yoga senza aver mai fatto yoga ritrovandoci quindi con la tendinite dopo ventiquattro ore, che dire di quelli che si sono messi a seguire corsi online e che sono riusciti a scrivere la tesi!

Io, per quel che mi riguarda, innanzitutto ho smesso invece di fare molte cose. Perché come prima cosa, incassato il colpo, quindi dopo qualche giorno e cioè intorno ai primi di marzo, mi è venuto l’affranto e la depressione e non sono stata per niente motivata a lavorare a distanza – insegno alle medie sigh, facciamo ‘sta cosa della didattica a distanza per non morire ma NON è stato bello, è stato un trauma di gruppo che non abbiamo ancora elaborato, forse ci riuscirò quando faremo la nostra prima chiamata su MeetGoogle.

Poi ho ricominciato a fare cose. Quelle che facevo prima per la verità, quindi partivo avvantaggiata: allenamento di danza e palestra a casa – diciamo mantenimento perché io comunque se qualcuno non mi dice “dai forza su” faccio poco – leggere, scribacchiare, pensare e realizzare qualche idea per i miei ragazzi che potete trovare qui: https://www.spreaker.com/user/12124926 .

E adesso sono arrivata a riscoprire un archivio sul mio computer di musica ai tempi in cui la musica non era online e la si passava e la si teneva su dispositivi rigidi. Perché? Perché stavo usando la rete internet per caricare di tutto e di più e ho fatto ricorso alla musica offline. Così… se ancora qualcuno questa cosa non l’ha fatta ecco qua un’idea. Vi metto i link, perché ops, forse è ancora reato. Ma giuro che in qualche scatolone ho anche i CD originali!!! PS: tutta musica italiana tranne per la grande Miriam Makeba ma… solo muti dove stare – niente lo dico a scanso di equivoci.

Ascolta questa…

  • Tu che stai passando la quarantena con l’amore tuo, inaspettatamente, dato che la convivenza non era ancora stata messa in conto. Sei innamorato/a ma una litigata per qualche stupida cosa ha turbato l’atmosfera? Dedica questa che vai sul sicuro!
  • Tu che sei adolescente e ti senti demotivato e abbandonato da tutti. E come farai senza la tua banda? Nessuno ti capisce in questo momento, o comunque in pochi, e tu non fai altro che ascoltare musica e musica e musica trap e aggressiva e dance e come diavolo si chiama, ma niente ti consola perché l’unica cosa che ti consolerebbe sarebbe una FESTA e andare a ballare? Ascolta questa e sfogati saltando sul posto per tutto il tempo.
  • Tu! Che come me fatichi ad alzarti dal letto la mattina perché non ti sembra esista un buon motivo per farlo? Probabilmente è così e io ti capisco davvero, però se si trova da qualche parte questo motivo per vivere di sicuro non si trova sotto le lenzuola, alzati!!!
  • Tu giovane donna che stai cercando l’alternativa femminile a “Volare ooo nel blu dipinto di blu”!!!
  • Per tutti quelli che… non capisco come abbiate potuto dimenticare questa! Uè paisà. Voglio vederti ballare.

Infine… questa è dedicata a Ylenia che mi sta videochiamando interrompendo il momento di alta creatività su wordpress.

Dedicatemi qualche canzone se volete. 🙂

Hashtag Coronavirus, Manzoni ai tempi del …cos’era?

Vorrei avere la penna e la conoscenza e la capacità e le possibilità di Alessandro Manzoni per raccontare la peste di questo mondo. Vorrei che mi apparisse tra gli incubi di questo sonno della ragione a indicarmi con la mano il castigo divino che mi spetta perché l’arte deve avere: “l’utile per iscopo, il vero per soggetto, l’interessante per mezzo”. E invece io continuo a muovermi indecisa tra il sentimento postmoderno decadente del cedere all’auto-intrattenimento/isolamento volontario e la psicosi da Cassandra che mi farebbe urlare come una pazza per strada: “Moriremo tutti!”. Vorrei che come un poltergeist passasse di schermo in schermo a ricordare la Colonna infame che non siamo altro.

“Pusillanimi” ci direbbe a noi studiati, a noi con le scuole alte.

Ognuno di voi sa bene che il problema è e non-è la peste. Il problema è la mancanza di lungimiranza, l’idiozia, la superficialità, l’ignoranza.

Ognuno di voi sa perché il coronavirus è un problema. Perché i nostri grandi paesi, le nostre grandi nazioni, all’emergenza non sono preparati. Non siamo preparati perché il sistema capitalista globale prevede la sopraffazione continua dell’uno sull’altro a colpi di PIL. Prevede la strumentalizzazione dell’alta formazione e dell’istruzione di massa ad uso e consumo industriale, tecnologico-commerciale. Prevede il liberalismo economico e di governo con lo scopo di mantenere e/o creare nuovi stili di vita/mercato. Non prevede strumenti per affrontare le crisi, anche queste funzionali al suo stesso riorganizzamento e assestamento. Non prevede democrazia e dibattito, non prevede solidarietà sociale. Non prevede l’intellettuale impegnato. Non prevede che i consumatori imparino a leggere e a scrivere per pensare, ma che apprendano nozioni e meccanismi psicologici utili a veicolare le emozioni più redditizie per l’andamento economico. Ma poi arriva qualcosa a turbare il sistema, per esempio una liberissima informazione che vive di click e pubblicità e che fa panico fino a ieri e che poi però, dall’oggi al domani ricevuta la velina, ridimensiona perché adesso basta: bisogna “salvare i mercati”, non vorrete mica la recessione? Quindi state tranquilli, limitate gli spostamenti sì, ma è tutto sotto controllo, basta lavarsi frequentemente le mani, stare a un metro di distanza. Le scuole? Vediamo se è il caso di aprirle, sì. Il sistema sanitario? Modello esemplare in tutto il mondo è il nostro. Va tutto bene.

Non va bene per niente. Si dovrebbe riconsiderare seriamente l’ipotesi della cooperazione internazionale, ridare centralità ai percorsi di pace e di collaborazione ormai dispersi e vinti. Dovremmo approfittare delle reti sociali attive, nonostante tutto, su scala globale per i diritti umani, per la difesa dell’ambiente, per lo sviluppo e la riduzione delle disuguaglianze. Cercare e adottare prospettive di soluzione globale a problemi locali. Questo è quello che dovrebbe insegnare questo virus che se ne frega del PIL e se ne frega dei confini e della propaganda nazionale. Questo è quello che le comunità di intellettuali e di scienziati internazionali cerca di promuovere da tempo, rimanendo puntualmente inascoltata. Sto sviando il discorso dall’emergenza coronavirus? Ognuno di voi con le scuole alte, manipolatori, politicanti e affaristi compresi, lo sa che non è così.

Ah! Ma che stupida. Non si può certo fare. Significherebbe sospendere la produzione e la vendita di armi, per esempio. Significherebbe puntare non sui mercati ma sulla sicurezza, sulla protezione civile. Significherebbe dirottare risorse sulla comunicazione sociale, sulla convivenza pacifica e solidale, su scuole e ospedali sicuri, accessibili e pronti a tutto e a tutti. Significherebbe pensare alla cura del mondo e non alla malattia dell’individuo. Significherebbe dirsi la verità in faccia e smettere di giocare a rimpiattino. Non si può fare. Lo so. Perché le risorse economiche non ci sono, perché le abbiamo sperperate in nome del PIL. Quindi, sostanzialmente, ormai gestire la crisi significherebbe perdere il potere e la centralità, forse darla vinta agli attivisti, ai “No Global”, ai “centri sociali” giammai! Significherebbe propagandare l’idea che si deve vivere anche con meno, che bisogna sacrificare qualcosa del nostro benessere e risparmiare. Che poi, riflessione a margine, in cosa si traduce il nostro benessere: nell’essere liberi di correre al supermercato per comprare 100 kg di pasta e le scorte di amuchina per due settimane, mentre gli ospedali collassano per mancanza di mezzi e personale? Ah… ma arriverà infine l’esercito italiano a rendersi utile! Macché, controllano chi entra e chi esce, supervisionano la gestione della crisi rimanendosene con il mitra in mano e magari, se capita, sparano tre colpi a un ragazzino che voleva rubargli l’orologio, per giunta, come si è permesso (!), fuori dall’orario di lavoro – ché servizio, il tuo, non me la sento di chiamarlo.

Nel mondo capitalista di cui faccio parte siamo arrivati al punto che risulta preferibile la demagogia, la dittatura, la repressione.

“Credevate davvero nel socialismo del capitale, nel liberalismo democratico? Credete ancora nel totalitarismo e nella restaurazione dei confini? Pusillanimi e fanfaroni e forse anche gran felloni” – vi direbbe Alessandro Manzoni. E pregate e pentitevi, aggiungerebbe, che ne avete di bisogno.

Forse qualcuno un giorno farà storia e mi spiegherà a che cosa è veramente servito tutto questo processo e progresso. Io non arrivo a capirne di più e né pretendo di arrivarci, le mie sono solo intuizioni frammentarie e dettate da letture e studi non sistematici. So solo che presto avremo ancora IMMIGRATI(!). Presto avremo di nuovo la RECESSIONE (!). Presto ci sarà qualcuno che accuserà e abbaierà: “I RESPONSABILI DEVONO PAGARE!”. Presto sarà ancora emergenza ma a saldare il conto non si presenterà proprio nessuno e saranno di nuovo pochi, i soliti ignoti, quelli disposti a rimboccarsi le maniche, a prendersi delle responsabilità e a fare piccole grandi cose, loro malgrado diventando di tanto in tanto eroi di una parte di società, comunque per lo più ingrata e che li dimenticherà in fretta. E forse tra qualche secolo nascerà una Alessandra – una difensora che ci racconterà e ci guiderà fino “al sugo della storia”. Ma noi, noi di questo reo tempo, non ci saremo e così non avremo da vergonarci.

Benjamin A Vierling