Libertà di parola, questa sconosciuta

Le parole sono importanti. Importante è conoscerne il più possibile, per poterle usare con cura, per capire quello che gli altri ci dicono e per poterci fare capire. Il linguaggio umano, così sofisticato, così complesso e particolareggiato, così ricco e così creativo è un tratto distintivo che manifesta le nostre capacità cerebrali. Qualsiasi lingua noi apprendiamo, in qualsiasi ambiente linguistico noi viviamo, non coltivare la facoltà del linguaggio, non prenderci del tempo per consolidarla e ampliarla, significa accontentarsi di rimanere – o far rimanere altri volutamente e colpevolmente – sottosviluppati. Mi sembra assurdo essere passati dal riscatto d’orgoglio all’orgoglio dell’ignoranza in così poco tempo. Un ventennio? E vorrei sapere chi sono i responsabili di questa operazione subdola e a danno degli oppressi della società in cui vivo. Qualche idea ce l’avrei… e si troverebbe nell’uso pubblico della parola da parte di qualcuno che intende sottomettere molti e fargli pure credere che sia bello così.

Chiariamoci dei dubbi di base.

  1. Essere liberi di poter dire quel che si vuole è un conto. E significa assumersi la responsabilità di quello che si dice.
  2. La libertà di parola è un’altra cosa.

“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.” Così recita l’Art. 21 della Costituzione italiana e così affermano le costituzioni delle società democratiche. Questo sacrosanto diritto umano si riferisce al fatto che solo la libertà di parola e di espressione può garantire la libertà di informazione. E fin qui tutto bene. Ma attenzione! La Costituzione non è semplicemente un elenco di cose che si possono fare, è un elenco di cose soggette a regole. La nostra regola, nello specifico, prevede che il diritto di manifestare il pensiero in ogni forma è libero tranne nei casi di reato, tra cui: ingiuria, calunnia, diffamazione, istigazione a delinquere, oltraggio al buon costume eccetera…

Quindi quando si invoca il diritto alla libertà di parola, non è corretto farlo a prescindere dalle regole. Altrimenti si sta solo dicendo che è giusto che io ti possa offendere, è giusto, anzi è un mio diritto, rifilarti informazioni/parole false (le fake news), è sacrosanto poter usare un linguaggio scorretto e inadeguato al contesto!

Se libertà di parola significasse essere liberi di dire ciò che si vuole quando si vuole a chi si vuole dove si vuole … “e più non dimandare” aggiungerebbe il Virgilio di Dante … significherebbe anche che non avremmo certo bisogno di qualcuno che ci dica se è un diritto oppure no. Infatti sarebbe semplicemente un’azione che si compie, una bocca che si apre, termini che si proferiscono. L’altro potrebbe anche non ascoltarti, o decidere di darti un pugno, o sospenderti da lavoro magari.

Se le regole non si intende rispettarle i casi sono due: forse sarebbe meglio stare zitti oppure bisognerebbe cambiare le regole. E sono d’accordo: se non ci piacciono le regole possiamo cambiarle. Però se cambiamo i fondamenti democratici, perché cambiamo il significato delle parole, non vendetela come avanzamento della democrazia.

Poter dire le cose come stanno e poter farlo sapere agli altri. Questa è libertà di parola. E per esercitare questo diritto abbiamo il dovere di conoscere e padroneggiare i significati delle parole, l’obbligo di sviluppare e mantere a livelli accettabili le nostre abilità linguistiche.

C’è chi sa benissimo cosa significa non avere diritto di parola e che da decenni subisce in Italia la repressione di Stato o la repressione sociale proprio per questo. Non è che ora arrivano i fascisti e ci vengono a insegnare cosa vuol dire democrazia e magari ci vengono anche a fare la lezione sul diritto, anzi sull’orgogliosa rivendicazione ad avere un’opinione sbagliata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...