La natura è un campo di battaglia

Il capitalismo non morirà di morte naturale, per la semplice ragione che ha i mezzi per adattarsi alla crisi ambientale. E ora, ancora una volta, sta dando prova della propria soprendente resilienza. La finanziarizzazione e la militarizzazione di questa crisi non ne sono altro, in ultima analisi, che una dimostrazione. Il capitalismo, in realtà non solo è capace di adattarsi alla crisi ambientale, ma anche di trarne vantaggio. Non è detto infatti che la crisi ecologica peggiori quella economica. Al contrario, probabilmente essa consente al capitalismo di trovare delle soluzioni sostenibili al declino del saggio di profitto, mercificando settori della vita sociale e naturale ancora al riparo della logica del capitale. Una crisi serve dunque a risolvere l’altra.

Razmig Keucheyan, “La natura è un campo di battaglia“, 2019

Ovvero: trovare echi gramsciani in tutti i grandi pensatori e intellettuali contemporanei, tranne che in quelli italiani.

2 Comments

Rispondi a cristinadipietro Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...