Piobesi, 28 Novembre 2017

Spesso lo dimentico. Il motivo per cui ho iniziato questo blog. Un motivo stupido e assolutamente autoreferenziale. Vivevo a Torino, abitavo in Corso Vittorio. Era un pomeriggio di ennesimo tedio e sospiro. Probabilmente dopo qualche giorno passato un po’ in depressione, a rotolarmi dalla poltrona al letto e dal letto alla poltrona, ho deciso di inaugurare la nuova avventura letteraria con una frase di sicuro effetto:“Che ne so. Piove” (15-settembre-2014).

(Spero abbiate colto la sottile ironia)

Poi… ho cominciato a dare peso anche agli aspetti comunicativi, di condivisione di informazioni, opinioni e idee.  Poi… è andata a finire che ho stabilito categorie – più o meno chiare – che guidassero me nella scrittura e i videolettori nella lettura. Mi sono decisa a dare un’ordine alle cose. Io, che ordine alle mie cose non riesco a darlo mai, mi sono illusa che uno spazio come questo mi avrebbe aiutata.

In effetti, per un po’ ha funzionato, soprattutto tra la fine del 2015 e tutto il 2016, periodo in cui ho potuto dedicare molto tempo a te, caro piccolo mioluogo! Ma adesso ecco che si ripresenta il limite di chi un blog lo scrive per passione, anche se forse vorrebbe farlo di mestiere: il tempo. Avrei tante letture da consigliare, tanti contenuti da condividere, tante cose da raccontarvi su di me e sul mio lavoro, su come la penso e cosa penso sia importante e però… non ho il tempo. Soprattutto in questo anno, in questo maledetto 2017 che:

“dal punto di vista delle soddisfazioni professionali, non mi posso lamentare, è andato alla grande! Ma sotto altri certi punti di vista, psico-affettivo-relazionali… mi ha un po’ fatto desiderare, eh! Ma quando finisce, un si ni po’ cchiù!” (tono di voce stridulo e stizzito, muove la mano mentre parla e spesso alza agli occhi al cielo, finisce in dialetto stretto)

Mi ha fatto desiderare molto. Pretendere di più. La gentilezza dei modi, un sorriso la mattina, una carezza sulla guancia la sera. Che poi, non voglio nemmeno credere che siano desideri e pretese così strane, mi pare che potrebbero essere alla portata di tutti. Ma non alla mia, evidentemente. Sembra dunque questo l’amaro destino dei cosiddetti animi sensibili, gruppo di cui direi che faccio romanticamente parte, nel cui pantano ogni tanto mi invischio e sguazzo per puro piacere di trarne poi tormenti e poesia.

 

Saluti romantici da Piobesi,

Cristina Ortis.

5 commenti

  1. Ma tu pensa! Appena diplomato (molti, molti secoli fa) mi sono trasferito a Torino per cercare lavoro (mio primo grande fallimento). Ho abitato per un paio di mesi in una stanzetta in affitto di via San Massimo, quasi all’angolo di corso Vittorio. Gira, gira, la vita torna sui suoi passi, Cristina, non solo coi ricordi, ma attraverso conoscenze, contatti, letture. In quale parte di corso Vittorio vivi? Mi hai riportato il Valentino, dove avevo dei parenti, il mercatino di via Madama Cristina, il freddo e la nebbia…. Non ti crucciare per il poco tempo, vedrai, ci saranno giorni (lontani, spero per te, lontani), che ne avrai a iosa e non saprai che fartene. Scrivi quando puoi, già la voglia di scrivere è un grande dono. Un abbraccio. Natale

    Liked by 1 persona

  2. Ciao Cristina!
    Anch’io ho iniziato un blog per mettere ordine (almeno virtualmente) a pensieri ed azioni. Ma ancor ora, non riesco a staccarmi dal taccuino che tengo in giro per casa ed in cui scrivo a casaccio..
    Inversamente da te, il tempo l’avrei anche ma spesso mi manca la motivazione e le tante idee e pensieri finiscono per abitare solo dentro la mia mente ed ogni tanto fanno dei mega party che mi tengono sveglia per tutta la notte!
    Vedi, non sempre è un problema di tempo.
    Forse sono ostacoli che si pongono davanti la nostra corsa x provare quanto forti siano i nostri desideri. E quando saranno abbastanza forti vedrai che troveremo la forza non solo di saltare gli ostacoli ma anche di volare!
    Un abbraccio

    Liked by 1 persona

    • Ciao Elettra! Che piacere leggerti tra i commenti… Beh, che dire… In quanto a creatività non credo di poterti battere ;). Capisco cosa intendi quando parli del fatto che a volte non è la mancanza di tempo, ma il fatto è che è quando sai che potrebbe leggerti qualcuno che non ti conosce che i pensieri prendono consistenza e si ordinano. Fallo! 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...